Skip to content

Semper fidelis

3 aprile 2009

Ieri sono andato a fare la spesa in un supermercato di una nota catena nazionale, e ho sottoscritto una nuova fidelity card.  Ne possiedo già da tempo un’altra, di una catena concorrente, che è più vicina a casa e dove faccio di solito la spesa. Quindi adesso posso raccogliere, oltre ai punti  dei noti supermercati comunisti, anche quelli di uno dei principali finanziatori di Forza Italia. Con la par condicio sono a posto, con la “fedeltà” un po’ meno, ma francamente perché essere fedele a chi in fondo è interessato solo al contenuto del mio portafogli.

Oltre alle tessere dei due supermercati, ho due tessere di due diversi distributori di benzina, una tessera di una catena di negozzi di articoli sportivi, una tessera di una catena di negozi di elettrodomestici e immancabilmente quella di una compagnia aerea miracolosamente ancora in attività (sulla quale a suo tempo invertirono nome e cognome e quindi non si riuscivano a caricare in automatico le miglia al momento del check-in).  La mia banca ha una raccolta di punti legata all’utilizzo del conto corrente. Potrei raccogliere dei punti dai fornitori di luce, gas e telefono. Potrei fare la tessere di una catena di librerie, quella della catena di centri per il fai da te, quella del noto mobilificio svedese e quella del kebabbaro sotto casa.

Io vivo da solo, quindi non riesco a fare spese a tre cifre. Non faccio il commesso viaggiatore, quindi anche i vari punti della benzina non sono mica tanti.  Morale della favola, rischio di ritrovarmi con tante fidelity card e pochi punti su ciascuna. Ovvero posso ambire a tanti premi micragnosi invece che a un unico premio grosso e inutile, Una di quelle cose per cui non tireresti fuori dei soldi, ma se te lo “regalano” il discorso è diverso.

Eppure forse esiste una possibilità. I punti del supermercato A possono essere convertiti in punti del benzinaio B. Invece i punti del benzinaio C possono essere convertiti in punti della libreria D, i quali a loro volta possono essere convertiti in punti del supermercato E. Disponendo di un numero sufficiente di tessere e di possibilità di convertire i punti di una nei punti di un’altra, potrebbe essere possibile disegnare un grafo orientato e trovare il modo di far confluire tutti questi punti su una sola tessera. Quella che mi consentira di ottenere il premio che bramo da tempo… La cucina di Hello Kitty!

Annunci
One Comment leave one →
  1. 6 maggio 2009 1:38 pm

    Ti dirò. Sono anni che sogno un decreto ministeriale che permetta di stabilire delle tabelle di conversione punti di tutte ‘ste cazzo di fidelity card. Sarebbe la volta buona che sbanco la Feltrinelli con i punti del GS. 😀

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: